Premio Internazionale di Canto Lirico Borsa di Studio “Valerio Gentile” XVI edizione

 Serata Concerto a FASANO

Ad Annalisa Ferrarini la XVI edizione del Premio  Internazionale di Canto Lirico Borsa di Studio  ‘Valerio Gentile‘.

Alla manifestazione, contrassegnata dall’altissimo livello dei finalisti, ha partecipato  come presidente di giuria il grande maestro ungherese Jamos Acs

Domenica 9 dicembre, nella splendida e accogliente Chiesa del Purgatorio di Fasano, si sono esibiti i sei cantanti finalisti, che una Giuria di altissima qualità – a presiederla il maestro ungherese Jamos Acs (che per anni ha diretto i tre tenori per eccellenza Luciano Pavarotti, Placido Domingo e José Carreras) insieme ai Maestri Sara Allegretta, Carmela Apollonio, Paola Romanò e la direttrice artistica del premio Nicla Sciangalepore – aveva selezionato, nell’auditorium del Conservatorio “N. Rota” di Monopoli, tra i numerosi iscritti al Concorso e provenienti da numerosi Conservatori italiani e stranieri.
A vincere la XVI edizione è stata la soprano Annalisa Ferrarini di Reggio Emilia che ha proposto “Mesiku na nebi” (da “Rusalka” di A. Dvorak) e “Meine lippen sic kuessen so heiss” (da “Giuditta” di Franz Lehar). In una serata dall’alto livello artistico dei cantanti, accompagnati al piano dal talento del M° Raffaella Migailo, l’affermazione della giovane soprano ha trovato anche il consenso del pubblico che ha applaudito a lungo l’artista che unisce alle sue eccezionali doti vocali anche una espressione mimica e armonia di movimenti che non sono passate inosservate. Al secondo posto si è classificato il baritono Lee Hun Hee, di origini coreane ma residente a Milano, che ha cantato “Net, tolka tot ktoznal” di Petr Illyich Tchaicovsky e “Nemico della patria” (da “Andrea Chenier” di Umberto Giordano). Al terzo posto la giovanissima (21 anni) mezzosoprano pugliese (da Martano di Lecce) Marzia Marzo che ha invece offerto al pubblico “Beau soir” di Claude Debussy e “Tanti affetti… Fra il padre” (da “La donna del lago” di Gioacchino Rossini).
Al primo classificato è andata una borsa di studio dal valore di 1500 euro, al secondo di 1000 euro e al terzo di 500 euro. Gli altri finalisti sono stati il napoletano Mariano Buccino, la salernitana Annalisa D’Agosto e la materana Maria Chiara Scarale. In attesa delle decisioni della giuria c’è stato spazio anche per la “Sonata per violino e pianoforte Op. 108” proposta dalla pianista M° Simona Gialluisi e dalla violinista M° Giuseppina

prof. Nicola Gentile premia il soprano Annalisa Ferrarini

.

Questa voce è stata pubblicata in Premio Canto Lirico. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *